Intelligenza Artificiale e Giurisprudenza

Come cambia il mondo della giurisprudenza grazie all’intelligenza artificiale? Come si evolveranno i procedimenti legali in tal senso? Abbiamo approfondito gli ultimi trends delle nuove tecnologie per l’intelligenza artificiale applicata all’ambito giuridico. La tecnologia come ben saprai è entrata a far parte delle nostre giornate ed è sempre in continua evoluzione. Senza neanche rendercene conto siamo circondati da dispositivi con intelligenza artificiale che ci facilitano la vita di tutti i giorni, ci basta pensare ad esempio ai strumenti vocali per le case che ci permettono di eseguire ogni tipo di operazione senza muoverci di un millimetro. Questa evoluzione è andata ad interessare ogni aspetto della comunità ed è quindi giunta anche alla giustizia. Può sembrare illusorio pensare che l’intelligenza artificiale possa in qualche modo avere a che fare con la giustizia e invece grazie alla Carta Etica Europea è possibile e in questo articolo andremo a scoprire come e perché. 

Cosa dice la Carta Etica Europea 

La Carta Etica Europea realizzata il 04 dicembre 2018 dalla Commissione Europea per l’Efficacia della Giustizia determina l’utilizzo dell’intelligenza artificiale nei sistemi di giustizia penale e nei relativi ambienti ad essa correlati. È un documento molto esplicativo e di notevole importanza che per la prima volta prende atto della possibilità e dell’importanza di poter applicare l’intelligenza artificiale anche in questo ambito. Di fatti si è riscontrato quanto l’utilizzo della tecnologia all’interno di questo settore possa non solo snellire il lavoro burocratico ma anche aiutare nell’ambito della prevenzione dei reati e in altri settori. La Carta Etica Europea si basa sul perseguire questi principi:

  • Rispetto dei diritti fondamentali
  • Nessuna discriminazione
  • Principio di qualità e sicurezza
  • Trasparenza 
  • Garanzia dell’intervento umano

Il concetto alla base dell’utilizzo dell’intelligenza artificiale si basa perciò su un principio che stabilisce che chi la utilizzerà ed utilizzerà tali programmi dovrà essere una persona qualificata, e che ogni decisione sia presa venga comunque sottoposta sempre al controllo umano. Questo per non rendere il sistema giudiziario standardizzato e troppo autonomo. 

Quali ambiti si presuppone di integrarla?

Sono tre gli ambiti in cui si punta ad integrare l’intelligenza artificiale al fine di migliorare la vita quotidiana e lavorativa del personale:

  • Analisi di documenti e predisposizione di atti
  • Previsione dell’esito di una causa. 
  • Formulazione di giudizi sempre però sotto il controllo dell’umano

Questo può dar vita perciò a quella che conosciamo come giustizia predittiva che si basa sul calcolo probabilistico e sulla prevenzione dei reati. Un notevole passo in avanti per il mondo intero. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *